W. Trentola Ducenta. Storia anonima inviata a “Senza fare nomi” il 10 ottobre 2015

Con quale tipo di comportamenti e’ stato perpetrato il crimine ?

Frequentavo il seminario missionario del P.I.M.E Pontificio Istituto Missioni Estere di Trentola Ducenta ( CE )
Sono stato fortunato ( se così si può dire )perché gli abusi si sono fermati a carezze e e “baci” da parte sua nelle parti intime. Il solo scriverlo scatena in me una rabbia e un senso di colpa indescrivibile…….forse avrei dovuto fermarlo ma

Read More

G. G. Castellaneta. Storia anonima inviata a “Senza fare nomi” il 19 settembre 2015

Con quale tipo di comportamenti e’ stato perpetrato il crimine ?

Il comportamento era amichevole .. come un ragazzo che ci provava con una ragazza.

Ne hai parlato con i tuoi familiari?

Io sono l’amico della persona abusata.

Hai prove documentali degli abusi o testimoni che possano confermare il tuo racconto?

Read More

S. O. Prato. Storia anonima inviata a “Senza fare nomi” il 31 luglio 2015

Con quale tipo di comportamenti e’ stato perpetrato il crimine ?

La persona vittima di abuso veniva avvicinata dal parroco dopo la catechesi, portato in una stanza e abusato oralmente e analmente.

Ne hai parlato con i tuoi familiari?

Non ne ha parlatocon nessuno per 40 anni, perchè non capiva esattamente l’abuso e dopo, per vergogna e sensi di colpa.

E’ ancora in quell’edificio di culto?

Read More

E. F. Randazzo. Storia anonima inviata a “Senza fare nomi” il 21 maggio 2015

Con quale tipo di comportamenti e’ stato perpetrato il crimine ?

Ho sempre frequentato la parrocchia sin da piccolo. Dall’età di circa 16 anni l’allora vice parroco ha iniziato ad avere attenzioni morbose verso di me, cercava sempre il contatto fisico, abbracci “intimi”, baci che non di rado arrivavano anche sulle labbra fingendo di “sbagliare mira”, pretendeva che dormissi in canonica con lui, ad ogni occasione più o meno apertamente strusciava parti del corpo sulle mie parti intime, in macchina voleva sempre tenermi per mano o

Read More

Pedofilia: violentato per dieci anni «Quel prete si è preso nostro figlio»

ROMA – Era marzo anche cinque anni fa quando la signora Anna scoprì che suo figlio aveva provato a uccidersi, trascinato in un fiume da un peso che ancora oggi lo affonda. «Mi urlò: “Padre Vito mi ha violentato, non vivo più con questo schifo dentro”». Neanche davanti a un giudice la donna si dà pace. A quel religioso diventato un fratello per 10 anni ha affidato il

Read More

Alda Franchetto, ex istituto Provolo, Italia

«Al Provolo sono entrata che avevo solo quattro anni, mi chiamavano Marcellino pane e vino per la mia vitalità, ero la più piccola. All’inizio è stato il freddo dell’inverno a mettermi nei guai: non c’era riscaldamento e noi portavamo delle calze di lana spesse, che pungevano la pelle, e io mi grattavo sempre le gambe per il fastidio. “Che fai?” mi ha detto un giorno la suora, “non lo sai che è peccato?”. Mi ha dettato un biglietto e mi ha spedita dal prete per la confessione. “Mi sono

Read More

Verona. Pedofilia, testimonianza choc: «Sodomizzato da una quindicina di preti»

VERONA (26 marzo) – Nuova bufera sull’istituto per sordomuti Provolo di Verona. La choccante testimonianza di un ex allievo riaccende i riflettori sui presunti episodi dipedofilia che sarebbero avvenuti fra le mura della scuola: «Sodomizzato e costretto a rapporti da una quindicina di preti e fratelli».

Bruno è veronese, ha oltre sessant’anni e vive solo non avendo mai avuto il “coraggio” di farsi una famiglia. È una delle

Read More

Dall’Uruguay all’Italia per denunciare il missionario che abusò di lui

Il primo abuso è stato in Cerro Chato, UN PAESETTO PICCINO, nel 1997, nella parrocchia di Cerro Chato (Sacro Cuore). Il pedofilo, chiamato FRANCESCO ZAPPELLA, SACERDOTE ITALIANO, tutto è cominciato quanto io avevo quasi  12 anni. Lui è arrivato al collegio con gli altri collaboratori italiani dando ai bambini caramelle, cappellini, orologi, denaro ed altri regali, comprandoci, perché eravamo orfani, bambini con carenze. Lui ci invitava a dormire nella parrocchia, ci faceva la doccia

Read More

S. P. Vittima di don Pietro Pinetto. Proc. n. 647/10/45 R.G.N.R.

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI SAVONA
VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI – art. 362 c.p.p.

L’anno 2013 il mese di maggio il giorno 8 alle ore 15,45 in Savona, negli Uffici della Procura della Repubblica, Piazza A. Barile 1 in relazione ai procedimento in epigrafe indicato innanzi al P.M. dr. Giovanni ‘Battista Ferro, assistito dal sost, comm., Diego Marchiano e dai sovr. C. Raffaele Apuzzo effettivi alla Squadra Mobile di Savona

è comparso

– PXXX Sxxx, nato a Exxxxxx il x.x.1962, residente in Savona, loc Xxxxx, Via Xxxxx

il quale, avvertito che ha l’obbligo di riferire ciò che sa intorno ai fatti e sulla conseguente penali cui si espone chi rende false dichiarazioni al P.M., dichiara:

Riconosco l’esposto che Lei mi rammostra, l’ho scritto io al computer e indirizzato ai Vescovo e a don Lupino, l’ho redatto

Read More

Fuori dall’ombra

Fate attenzione alle loro storie: parlano di sofferenza e di rabbia ma anche di riscatto. Della testarda volontà di ricominciare a vivere. E guardate bene i loro volti, perché è la prima volta che una rivista ha il coraggio di mostrarli. Tutto è cominciato il giorno in cui i sordomuti hanno deciso di parlare. È il 2006 quando gli ex allievi del Provolo di Verona, un istituto cattolico per non udenti, si rivolgono al vescovo per informarlo degli abusi sessuali subiti da parte dei religiosi per più di trent’anni. La Curia, in grande imbarazzo, prima smentisce, poi minimizza. È la più importante

Read More